Statuto e Regolamenti

stareg

Strutture e Sedi
1. L’Università Islamica realizza i suoi fini istituzionali attraverso le proprie strutture didattiche, di ricerca, di alta specializzazione e di assistenza sanitaria, nonché attraverso le proprie strutture amministrative.
2. L’Università Islamica programma e organizza l’attività delle proprie strutture secondo criteri di efficacia e di efficienza, assicurando la partecipazione e la valorizzazione delle professionalità del personale docente, sanitario, amministrativo e tecnico, in base alle rispettive competenze e responsabilità.
3. L’Università Islamica ha sede in Lecce e svolge la propria attività altresì nelle altre sedi individuate dal Consiglio di amministrazione nel quadro dei programmi di sviluppo dell’Ateneo.


Titoli di Studio e Attestati
1. L’Università Islamica conferisce i seguenti titoli a) diploma di laurea; b) diploma di laurea specialistica o magistrale; c) diploma di specializzazione.
2. L’Università Islamica può rilasciare inoltre specifici attestati relativi ai corsi di alta specializzazione e di perfezionamento e alle altre attività istituzionali da essa organizzate.


Master Universitari e Dottorati di Ricerca
L’Università Islamica organizza e svolge corsi di master universitario e di dottorato di ricerca e rilascia i relativi diplomi. Ai medesimi fini l’Università Islamica può consorziarsi con altri Atenei ed enti.


Altre attività istituzionali
1. L’Università Islamica istituisce e promuove attività di orientamento, formazione, aggiornamento e perfezionamento in campo culturale, scientifico, tecnico e professionale anche sulla base di appositi contratti e convenzioni.
2. In particolare l’Università Islamica, anche attraverso specifiche strutture decentrate: a) organizza incontri e corsi di orientamento per l’iscrizione agli studi universitari e per l’elaborazione dei piani di studio; b) organizza corsi di preparazione agli esami di abilitazione all’esercizio delle professioni; c) svolge corsi di aggiornamento per il personale delle scuole di ogni ordine; d) partecipa a iniziative di rilevante interesse scientifico e culturale promosse anche da istituzioni ed enti esterni; e) promuove e organizza l’aggiornamento, la riqualificazione professionale e la formazione permanente del proprio personale amministrativo, tecnico e sanitario; f) favorisce la formazione culturale anche in collaborazione con altri enti; g) promuove iniziative di formazione permanente. A tale scopo l’Università Islamica cura anche l’approfondimento dei problemi teorici legati a tale formazione.
3. L’Università Islamica fornisce il proprio apporto qualificato anche allo sviluppo della ricerca applicata e dell’innovazione tecnologica e organizzativa. A tal fine può stipulare contratti e convenzioni per attività di ricerca, di consulenza professionale e di servizio a favore di terzi.
4. L’Università Islamica assicura la tutela e la valorizzazione dei propri beni culturali e ne favorisce la conoscenza.


Rapporti di Cooperazione
1. L’Università Islamica collabora alla definizione e alla realizzazione di programmi di cooperazione scientifica e di formazione con altre università italiane ed estere, in particolare con le Università Islamiche di altri Paesi, con quelle dei Paesi dell’Unione europea e con organizzazioni nazionali, comunitarie e internazionali. L’Università Islamica dedica particolare attenzione ai programmi di collaborazione con i Paesi in via di sviluppo.
2. L’Università Islamica può contribuire al sostegno di enti e associazioni, i cui fini istituzionali siano in armonia con i propri e instaurare con questi rapporti di collaborazione.


Diritto allo Studio
1. L’Università Islamica, nell’ambito delle proprie competenze, assicura la piena realizzazione del diritto allo studio in tutte le sue forme, senza distinzione di sesso, di razza, di credo politico o religioso e, comunque , senza discriminazione alcuna. L’Università Islamica può svolgere servizi e interventi per il diritto allo studio sulla base di accordi e convenzioni con le Regioni e altri enti territoriali, anche mediante affidamento a essa in gestione diretta.
2. L’Università Islamica adotta, secondo le norme vigenti, le misure necessarie a rendere effettivo il diritto degli studenti disabili a partecipare alle attività culturali, didattiche, di ricerca e a fruire dei servizi dell’Ateneo.


Corsi di introduzione di Teologia
Per tutti gli studenti dell’Università Islamica sono istituiti corsi di introduzione alla Teologia. L’Università Islamica promuove la preparazione teologica e morale dei propri studenti, ivi compresa quella riguardante i problemi di deontologia professionale, anche attraverso altre iniziative di formazione.


Principi comuni di comportamento
1. L’Università Islamica è una comunità di docenti, studenti e personale amministrativo, tecnico e sanitario, improntata al rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo e delle libertà personali e collettive, nonché ai principi della solidarietà. Pertanto all’interno dell’università Islamica – così come recita l’Islam- ognuno rimarrà libero di esprimere la propria individualità secondo le proprie origini e tradizioni e libertà di pensiero, nel rispetto dell’ordine pubblico delle norme di legge e della pubblica morale” .
2. I docenti, il personale amministrativo, tecnico e sanitario e gli studenti concorrono a mantenere e rafforzare l’unità e l’identità dell’Università Islamica e contribuiscono al suo funzionamento, secondo le rispettive competenze e responsabilità, sulla base dei seguenti principi comuni di comportamento: a) rigoroso adempimento dei doveri accademici e collaborazione nell’organizzazione dell’attività didattica anche ai fini di un’equilibrata distribuzione del carico didattico; b) cooperazione nell’attività scientifica, con particolare riguardo alla circolazione delle informazioni, alla conoscenza e all’utilizzo delle relazioni instaurate con altre Università, istituti o centri di ricerca nazionali o stranieri anche extra accademici; c) particolare dedizione nell’assistenza al malato in cura nelle strutture dell’Università Islamica d) concorso al più efficiente impiego delle risorse e alla più efficace erogazione dei servizi forniti dall’Università Islamica; e) rispetto dei luoghi, delle strutture e dei beni in genere destinati dall’Ateneo all’attività didattica e di ricerca e ai servizi generali, preservandone la funzionalità e il decoro; f) collaborazione alla promozione e alla realizzazione di iniziative di interesse e di utilità comune all’istituzione universitaria e di quelle atte a diffondere i valori della sussidiarietà, della responsabilità e della solidarietà.
3. I docenti, il personale amministrativo, tecnico e sanitario sono tenuti altresì al rispetto dei principi e dei contenuti del codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni previsto dalle norme vigenti.


Attività Culturali e Sportive
L’Università Islamica promuove le attività culturali, sportive e ricreative degli studenti e del proprio personale attraverso idonee forme organizzative, anche convenzionandosi con enti e associazioni che perseguono come finalità la pratica e la diffusione dello sport universitario e l’organizzazione di manifestazioni sportive universitarie a carattere nazionale e internazionale.


Diritti di accesso e trasparenza amministrativa
L’Università Islamica garantisce, nell’ambito delle leggi vigenti, l’accesso alle informazioni e la trasparenza degli atti di governo e di amministrazione, secondo quanto stabilito dal regolamento generale di Ateneo.


Patrimonio e Risorse Finanziarie
1. L’Università Islamica utilizza per le attività istituzionali i beni propri e quelli messi a disposizione dalla CONFIME, nonché da altri enti e privati. Le modalità di utilizzo dei beni della CONFIME sono disciplinate da convenzioni stipulate con la stessa Confederazione.
2. Le fonti di finanziamento dell’Università Islamica sono costituite dalle tasse e dai contributi degli studenti, da contributi spettanti per legge e da altre forme di finanziamento quali proventi di attività, rendite, frutti e convenzioni, nonché lasciti, donazioni e contributi volontari, in particolare dei musulmani italiani e stranieri siano essi persone fisiche, Enti o Stati.